mercoledì 9 luglio 2014

Finalmente la cornice!





Come sempre è passata un'eternità dalla conclusione del sal organizzato a suo tempo da Gabry e io, giusto per non smentirmi, ho lasciato stagionare a lungo il mio ricamo, ma finalmente l'ho fatto incorniciare e l'ho appeso nella mia cucina.
Non capisco come ho potuto attendere tanto, visto quanto mi piace alla fine l'effetto d'insieme, ma è un difetto che proprio non mi abbandona e al quale ormai sono rassegnata...




lunedì 30 giugno 2014

Un po' di nostalgia...





Ogni tanto oltre al punto croce mi piace ricamare anche qualcosa di diverso, come questo centrotavola, dove ho abbinato punto erba, punto catenella e l'orlo a giorno più classico.






In questi altri invece ho ricamato a punto erba e ho utilizzato il punto festone per gli orli.
Sono stati i primi punti che ho imparato a ricamare da bambina, sotto la guida di mia mamma, che è una grande appassionata di questo tipo di lavori e ogni tanto mi prende la nostalgia e torno a realizzare qualcosa con queste tecniche che mi riportano un po' indietro negli anni, ma proprio pochissimo eh...giusto l'altro ieri!
Buona settimana!


martedì 17 giugno 2014

Ancora cuscini.





Tanto per non smentirmi, è passato davvero tanto tempo dal termine di questo ricamo, che finalmente è diventato ciò che avevo pensato diversi mesi fa, cioè un cuscino per il divano del salotto di mia mamma. Basta avere pazienza, magari tardi, ma prima o poi arrivo...






In questo secondo caso invece sono stata più diligente, perché l'ho confezionato appena ho finito di ricamarlo, cosa che mi capita davvero molto raramente.
In entrambi i lavori mi piace il risultato finale, magari questo rosso è un po' impegnativo, anche perchè, avendo utilizzato l'Aida classica, è risultato di dimensioni leggermente "abbondanti", ma sono certa che, riflettendoci, gli troverò la giusta collocazione, come del resto succede sempre con tutti i bellissimi schemi di Renato Parolin...

martedì 10 giugno 2014

Quando ci si prende gusto...




Dopo Vinovo e Rosignano potevamo lasciarci scappare Belgioioso, con la sua splendida mostra "Ricamare tra i vigneti?" Direi proprio di no, per cui sabato scorso eccoci di nuovo equipaggiate di tutto punto, pronte per una nuova avventura, che questa volta ha coinvolto anche Nadia.
Abbiamo potuto ammirare come sempre dei veri capolavori, in una location molto suggestiva.
L'unico handicap è stato il caldo, torrido e improvviso, che ci ha un pochino stroncate, ma non ci ha impedito di divertirci alla grande e fare qualche acquisto.


Nel mio piccolo questa volta mi sono dedicata ai charms, per i quali non c'era che l'imbarazzo della scelta. Potevo forse fare a meno di quel delizioso microscopico telaio, al quale la foto non rende affatto giustizia? Non credo proprio! Non so come e quando li utilizzerò, ma mi piacevano troppo, per cui per ora andranno a fare compagnia a tutte le cianfrusaglie che riempiono le mie varie scatoline di ogni foggia e dimensione, poi si vedrà...
Come sempre in occasione di questi eventi sono tornata a casa piena di buoni propositi, che difficilmente riuscirò a mettere in atto, se non in minima parte, ma che se non altro, insieme all'euforia della splendida giornata trascorsa, contribuiscono a mettermi di buon umore.

mercoledì 4 giugno 2014

Cuscini e crocette.









Non so quanto tempo sia passato dalla realizzazione di questi ricami, sicuramente più di un po'...comunque meglio tardi che mai, come si suol dire e finalmente li ho assemblati.
Ne ho ricavato tre piccoli cuscinetti, una delle mie tante passioni.
Troppo spesso mi sento chiedere: "Ma poi cosa te ne fai?"
Be', magari anche niente, forse troverò loro una collocazione in casa, forse li regalerò, in ogni caso per me la loro preparazione è stata sicuramente una antistress e tanto mi basta.
In fondo non si possono mica fare sempre cose utili...









martedì 27 maggio 2014

Week- end movimentato.

Metti che una sera tornando dal lavoro dici: - Adesso chiamo Rita e le chiedo se nel week-end conta di fare, come ogni anno, un giro a Rosignano, in occasione di "Riso e Rose" - e lei ti prende in contropiede e ti dice che sì, Rosignano va bene, ma ci sarebbe anche l'opportunità di andare a Vinovo, dove si svolge "Fili Magici", questa mostra del ricamo che pare sia proprio un peccato perdersi.
Facciamo un breve giro di telefonate e decidiamo di andare noi due con Laetizia, che addirittura si offre di fare da autista e devo dire che è stata un'ottima scelta, per le cose splendide che abbiamo visto e per la giornata indimenticabile che abbiamo trascorso.
Intanto la location era magnifica, il castello di Vinovo si presta assolutamente ad accogliere un evento simile, sia all'esterno che nei suoi splendidi saloni.










Inutile dire che abbiamo visto dei lavori stupendi, eseguiti con le tecniche più disparate, dal tombolo al chiacchierino, dal punto croce agli sfilati, dall' Hardanger al ricamo Bandera, che devo dire ci ha lasciate letteralmente a bocca aperta.
Queste sono solo alcune delle meraviglie che abbiamo potuto ammirare.
























Ovviamente c'è stato tempo per chiacchiere, risate, soste al bar e naturalmente un po' di acquisti, di quelli che di riprometti assolutamente di non fare, già sapendo che non manterrai per niente la promessa, altrimenti che gusto ci sarebbe?
Nonostante il fuori programma del sabato la domenica non ci siamo assolutamente fatte mancare Rosignano, con le bravissime espositrici di sempre e la mitica Anna, vulcanica come al solito, dove ho coinvolto anche Morena in visite e compere.
In realtà vorrei aggiungere qualche foto anche di domenica, ma in questo momento, non so bene perché, blogger non mi permette di aggiungere immagini, per cui per ora mi fermo qui.
Ovviamente in questi due giorni a casa non ho combinato proprio un tubo, ma ho evitato di pensarci e mi sono lasciata alle spalle tutti i sensi di colpa!


lunedì 19 maggio 2014

Tenda improvvisata.

Da qualche tempo meditavo di sostituire la tenda del bagno, che era vecchiotta e piuttosto vissuta, ma, vuoi perché non ne trovavo una che mi piacesse, vuoi che ero pigra a cercarla, continuavo a rimandare, finchè, rovistando come sempre nelle mie innumerevoli scatole di cianfrusaglie, ho trovato alcuni scampoli di campionari di tendaggi.  Erano lì da tempo immemore, me li aveva dati una conoscente, poiché il negozio di arredi per la casa in cui lavorava chiudeva...evidentemente non sfugge a nessuno che io conservo proprio tutto!
Effettivamente poi finisco anche per utilizzare quasi tutto, a patto di ricordarmi dove si trovano le cose, ma questa è un'altra storia...
Comunque i colori erano proprio quelli di cui avevo bisogno, azzurro e giallo, per cui ho provato ad unire i vari pezzi di tessuto per vedere cosa riuscivo a combinare.



Ovviamente dovevo "nascondere" in qualche modo le cuciture e l'ho fatto soprapponendo delle piccole strisce di pizzo.








Alla fine è risultata abbastanza lunga da poterla arricciare con la calamita.




E questo, compatibilmente con la foto non proprio professionale, è l'effetto d'insieme. Non mi resta che sperare che Alex non la collaudi troppo presto...