venerdì 19 giugno 2020

Ritorno all'antico.








Eh, sì, perché era proprio passato tantissimo dall'ultima volta che mi ero dedicata al decoupage...e se devo dirla tutta non mi ricordavo nemmeno più quanto mi piacesse e mi rilassasse!
Il fatto è che ci vuole tempo e anche spazio a disposizione, dove lasciare i lavori durante le varie fasi, prima fra tutte l'asciugatura e con quattro gatti che girano per casa non è facile, però, dopo aver scovato queste due vecchie caffettiere napoletane a casa di mia mamma, non ho resistito e ci ho provato.
Erano due caffettiere in alluminio, piuttosto malconce per la verità, ma sono soddisfatta del risultato, in particolare di quella con le ciliegie, perché è con quella che per tutta la vita mia papà si è preparato il caffè, con quel rito particolare che lui amava tanto e sono certa che oggi mi farebbe i complimenti per averle cambiato il look.



martedì 19 maggio 2020

Raptus da quarantena.







Mai più avrei immaginato di trovarmi in una situazione come questa, come tutti del resto.
Per come va il mondo siamo portati a temere magari una guerra, una forte crisi economica, ma l'idea di una pandemia simile assolutamente non ci aveva mai sfiorato. Invece all'improvviso tutti a casa dal lavoro, scuole chiuse, aziende ferme, uffici vuoti...e nessuna possibilità di muoversi da casa!
Allora intanto si va di pulizie, riordino di cassetti e quant'altro e, per quanto mi riguarda, mi sono riappassionata ad alcune attività che negli ultimi tempi avevo quasi dimenticato e ho provato anche a cimentarmi in qualcosa di nuovo e un po' più impegnativo, visto il tempo a disposizione.
Erano anni che avrei voluto rinnovare la petineuse e la libreria che ho sul pianerottolo delle camere da letto, anche perché erano state messe lì senza un senso, giusto per riporre qualcosa, ma non c'entravano nulla l'una con l'altra.
Non riuscivo mai a decidermi perché ero consapevole che sarebbe stato un lavoro lungo, che mi avrebbe lasciato del disordine tra una fase e l'altra, poi mi sono detta che se non avessi approfittato del momento difficilmente ne avrei trovato un altro ed ho iniziato.
Per prima cosa ho sgrassato la superficie e poi ho cominciato ad applicare una vernice color avorio, con un po' di timore di fare un disastro, ma poi ho pensato che peggio di com'erano non avrebbero potuto ridursi.
In realtà, a mano a mano che il lavoro procedeva, acquistavo sicurezza e mi piaceva l'aspetto che i mobili stavano prendendo.
Una volta terminata la verniciatura ho "invecchiato" il tutto con una cera grigio argento e devo dire che il risultato finale mi ha decisamente soddisfatta.
Ovviamente le precedenti pareti bianche non erano più adatte, non c'era alcun contrasto, per cui ho coinvolto mio marito, che si è prestato a tinteggiarmi i muri con questo bordeaux che ha creato proprio l'effetto che desideravo.





Questo è l'aspetto che avevano prima del restyling, giusto per ricordarmi che è stata una faticaccia, ma che ne è valsa la pena!








venerdì 14 febbraio 2020

Volevo essere una casalinga.












Io sono nata negli anni sessanta, nel 1964 per la precisione, in pieno boom economico.
Mia mamma era una casalinga felice, perché era passata da un’infanzia vissuta in parte durante la guerra, un’epoca nella quale oltre alle difficoltà economiche si dovevano affrontare quelle logistiche, che forse erano anche di più, ad una vita da adulta decisamente confortevole.
Infatti per lei la lavatrice, il frullatore, il televisore, il telefono, che per me sono sempre stati oggetti scontati dal momento in cui ne ho preso coscienza, erano una conquista incredibile. Si occupava di noi e della casa, aveva il tempo per i suoi hobbies creativi e da marzo a ottobre i suoi balconi erano perennemente fioriti.
Con questo non sto assolutamente dicendo che fossimo la perfezione delle famiglie di certe pubblicità e sono sicurissima che mia mamma avesse le sue “paturnie”, che si guardava bene dall’esternare e che comunque non penso noi ragazzini saremmo stati in grado di comprendere allora. Però ci veniva a prendere a scuola, quando le lezioni terminavano per l’ora di pranzo, che trovavamo sempre pronto e se al pomeriggio arrivava a trovarci qualche amico c’era sempre la merenda per tutti e qualche volta la voglia di partecipare ai nostri giochi…sempre che glielo permettessimo. Anche a casa degli altri bambini era così, la mamme che lavoravano erano pochissime e ci sembravano dei marziani.
Poi sono cresciuta, attraverso gli anni settanta che sono stati in generale piuttosto trasgressivi per quelli della mia età (le parolacce al cinema, i pantaloni a zampa, la nascita di nuovi movimenti musicali…) fino ad arrivare ai mitici anni ottanta: l’apoteosi!
Avevo vent’anni, mi sentivo invincibile e con il mondo in mano. Del resto alzi la mano chi a quell’età non si è sentito almeno un po’ così.
A quel punto chiunque (e a dirla tutta in parte anche tu stessa) ti domanda cosa vorresti fare della tua vita, non è ancora l’epoca in cui tutti devono per forza andare all’università, ai ventenni di allora è perfino consentito trovarsi un lavoro! E’ quello che ho fatto io, ho iniziato a lavorare.
In fondo il lavoro d’ufficio non è male, soprattutto se al di là di quello non hai assolutamente nulla di cui preoccuparti, tranne ovviamente le vacanze, le uscite serali e lo studio delle ultime evoluzioni della moda.
Nel frattempo da ogni parte ti senti dire che è veramente una gran fortuna che finalmente ci siano così tante donne nel mondo del lavoro, che finalmente siamo indipendenti, non dobbiamo più rendere conto di niente a nessuno, non siamo più schiave della famiglia e della casa. Tutto vero, ma le colleghe che hanno qualche hanno più di me non mi sembrano così galvanizzate. Lavorano tutto il giorno, corrono come delle matte al supermercato, a recuperare i figli a scuola, dalle nonne, ai vari corsi ludici e sportivi ai quali partecipano e quando arrivano a casa la sera sono stremate, ma lì viene il bello: la cena, le lavatrici, i compiti da controllare e chi più ne ha più ne metta.
Ah, ovviamente tutto questo sempre per uno stipendio inferiore a quello dei colleghi maschi!
In quegli anni era assolutamente proibito pensare di fare la casalinga e ancora più proibito confessarlo a qualcuno.
Io però, andando assolutamente contro corrente, lo desideravo…e se devo dirla tutta non mi sentivo nemmeno in colpa! Però non potevo dirlo a nessuno, quindi mi accontentavo di sognare il mio futuro come lo avrei desiderato, pur sapendo che la realtà sarebbe stata ben diversa.
Gli anni sono volati, non ho mai smesso di lavorare e nemmeno ora, alla soglia dei 56, posso ambire a trascorrere un po’ del mio tempo in serenità, perché pare che la pensione sia stata praticamente abolita.
Ho trascorso dei periodi complicati, dove le cose da gestire mi sembravano davvero insormontabili e non ho mai nemmeno potuto, come le protagoniste di certe storie, “buttarmi a capofitto nel lavoro”, perché quando fai la contabile puoi giusto fare la contabile, non è che ci sia da lasciare tanto spazio all’immaginazione. Fai ciò che devi, rispetti le scadenze e di solito nessuno se ne accorge. Pazienza…
Desidero ancora fare la casalinga, ma so che non accadrà mai e magari poi, se avessi potuto provarci, non mi sarebbe piaciuto così tanto e il mio mito sarebbe andato a farsi friggere, chi può dirlo? Non ne avrò mai la riprova.
L’unica certezza è che noi ragazze degli anni 80 siamo state impegnate su svariati fronti e io devo ancora capire com’è che del “tu lavorerai con sudore e tu partorirai con dolore” abbiamo finito per sobbarcarci entrambe le cose, dicendo anche che eravamo contente.
Detto questo non è che abbia vissuto tutti questi anni in preda alla frustrazione più nera, ho avuto soddisfazioni, momenti belli e momenti brutti come tutti e soprattutto tengo a precisare che ho il massimo rispetto per le donne che desiderano lavorare, che amano il proprio lavoro e che per nulla al mondo ne farebbero a meno.
Quello che io rivendico insindacabilmente è il diritto di scelta e lo stesso tipo di rispetto per me che la penso diversamente, senza dovermi sentire a disagio ogni volta che provo a esprimere la mia opinione, come se fossi una troglodita che non ha la benché minima considerazione di sé.
Insomma, non me ne vogliano le femministe che mi hanno preceduta, se siamo disposti a gestire le nostre vite in base ai suggerimenti di youtubers e influencers di ogni genere, non possiamo accettare di convivere, senza metterla per forza alla gogna sulla pubblica piazza, con un’overcinquanta che desidera fare la casalinga?



lunedì 23 settembre 2019

Malinconia da fine estate.





Questa è una foto che avrebbe potuto essere  tranquillamente scattata da Jerry Calà, durante le riprese dell'ultimo fotogramma di quel "Sapore di mare" che tanto mi aveva entusiasmato nei primi anni '80, quando tutte abbiamo sperato fino all'ultimo istante che voltasse le spalle alla fidanzata milanese per correre da Marina Suma in lacrime e vivere per sempre con lei felici e contenti...ed è stato lì che abbiamo definitivamente accantonato Cenerentola e tutte le sue storie, per rassegnarci al fatto che quel principe, nella migliore delle ipotesi, avrebbe russato come un cammello.
Invece dietro all'obiettivo c'era la rassicurante presenza di mio marito, che da qualche decennio vive con me i cambi di stagione, ma l'atmosfera era proprio quella, un misto di Jerry Calà e dei Righeira con la loro estate che stava finendo dopo essere andati alla playa.
La mia malinconia è direttamente proporzionale all'avanzare dell'età, vuoi vedere che oggi ho scoperto l'acqua calda?
Poi, per carità, mi piacciono tutte le stagioni, ognuna ha il suo bel perché, ma oggi vedere chiusi e sferzati dal vento i pochi ombrelloni rimasti e quel cielo color piombo mi ha fatto provare un forte desiderio di Ferragosto, di caldo e mi sbilancio a dire addirittura di bambini che urlano!
Del resto, per continuare con le citazioni canore, se da Renato Zero con Spiagge, a Enrico Ruggeri con la mitica Il mare d'inverno e arrivo perfino a Casadei con Ciao mare nessuno ha mai cantato la nostalgia per l'inverno qualcosa vorrà pur dire...

mercoledì 4 settembre 2019

Chi ha accorciato l'estate?



Indubbiamente è la mia stagione preferita, non fosse altro che per tutte quelle ore di luce che ci regala, che riescono a farmi tollerare l'afa, le caviglie gonfie e qualche volta anche le zanzare, ma più passano gli anni e più mi sembra breve!
Cerco l'estate tutto l'anno...e in un niente arriva settembre, com'è 'sta storia?
Quand'ero bambina e il portone si chiudeva sull'ultimo giorno di scuola si apriva un mondo, fatto di pomeriggi a giocare nei cortili, interminabili pedalate, giornate in piscina e spensieratezza totale.
Non essendo tra l'altro io di primo pelo, all'epoca le scuole riprendevano il primo ottobre, per cui la stagione era proprio tutta da gustare, senza perderne nemmeno un momento.
Ora io capisco che tre mesi abbondanti di vacanze contro tre le tre settimane di ferie attuali contribuiscano a fare la differenza, però è proprio vero che la percezione del tempo cambia di pari passo con l'avanzare dell'età.
In ogni caso, compatibilmente col fatto che sono obbligata a lavorare e con la consapevolezza che lo spirito delle scuole elementari si è leggermente affievolito, io cerco sempre di gustare l'estate al meglio e di goderne quanto più possibile, ad esempio passeggiando in moto per le colline…


...magari alla scoperta delle big bench.


Durante le torride domeniche di luglio ho cercato un po' di refrigerio in montagna, scoprendo la suggestiva cascata del Toce.





Ho assistito al concerto di uno dei miei miti assoluti, il grande Edoardo Bennato che, come un ottimo vino, migliora sempre di più col passare del tempo.



Come da tradizione ho partecipato al Raduno della Madonnina di Castellazzo, questa volta anche con i ragazzi, il che ha contribuito a rendere particolarmente emozionante la giornata.


Una gita al LagoMaggiore…


Una passeggiata sul Lungomare di Nervi, splendido angolo di Liguria.


Qualche giorno di mare con un'amica storica…


E naturalmente qualche cocktail...no, dico, ma come si fa a non amare l'estate?









lunedì 17 giugno 2019

A volte ritornano...





Tanto per usare un eufemismo direi che ultimamente la mia vena creativa è stata a dir poco scarsa, ma questo non vuol dire che abbia perso la passione, né che mi manchino le idee...è quando si tratta di metterle in pratica che sono alquanto latitante!
Ad ogni modo con l'arrivo finalmente del caldo e di questa prima parvenza d'estate ho iniziato ad usare la borsa che avevo preparato all'uncinetto lo scorso inverno, decorandola con quanti più colori avessi a disposizione, insomma proprio estiva al massimo.




Anche per la fodera ho utilizzato questi fiorellini dai colori tenui e mi sono addirittura ricordata di prevedere una taschina interna!



Spero davvero che possa essere di buon auspicio per tornare ai miei hobbies che amo tanto e che ultimamente non sono più riuscita a seguire come avrei voluto, non solo per mancanza di tempo, ma anche per una discreta negligenza da parte mia.
Staremo a vedere...

venerdì 26 aprile 2019

Finalmente primavera!



Per la carità, continua a piovere, le temperature sono decisamente al di sotto della media, ma, pur con un po' di fatica, ci si riesce finalmente a muovere...tra una goccia e l'altra.
Per la prima uscita stagionale in moto abbiamo scelto il Sacro Monte di Crea, nel cuore del Monferrato: visita al santuario e passeggiata in mezzo alla natura che si risveglia.






Sulla strada del ritorno breve deviazione al Belvedere di Coniolo, per ammirare il tramonto.








Il giorno di Pasqua il tempo non è stato così clemente, niente moto, ma giornata ugualmente dedicata ai borghi medievali del piacentino.
In mattinata Castell'Arquato, suggestivo e ricco di angoli caratteristici.










Affascinante anche visto dalla collina di fronte...





...dalla strada che conduce a Vigoleno, altra chicca dei colli piacentini visitata nel pomeriggio.






Come inizio, nonostante appunto il tempo avverso, non c'è male, ora speriamo solo che migliori, poiché le idee sono davvero tante!