domenica 7 giugno 2009

Dopo le "paturnie"...


Ebbene sì, avevo le paturnie! Ero completamente a rovescio come un calzino, come si suol dire, non riuscivo a digerire niente per il verso giusto e non c'era praticamente niente che mi andasse di fare. Non c'era un motivo specifico, comunque non uno solo, sta di fatto che non girava per niente.
Sarà che questa storia della riduzione delle ore di lavoro mi ha un po' mortificata, sarà che nei giorni scorsi è stato il primo anniversario della scomparsa di mio papà e il dolore si è riacutizzato in maniera pazzesca, sarà che gli scontri generazionali con l'adolescente inquieto mi esauriscono un po' le batterie, il risultato è stato deleterio nel suo insieme.
Comunque in questo week end ho cercato di darmi una raddrizzata perchè non mi piacevo per niente, per cui ho miracolosamente esaurito quel mucchio di roba da stirare che ricordava tanto la torre di Pisa, ho lustrato per bene la cucina come piace a me e ho cercato di non farmi condizionare troppo dal resto del mondo.
Poi questo pomeriggio sono stata un po' a chiacchierare e anche a ricamare con Nadia Sachertorte, con la quale è impossibile non farsi venire voglia di ridere almeno un po'. La compagnia reciproca ci fa questo effetto da quasi quarant'anni, bisogna approfittarne perchè non succede così di frequente...Insomma, anche se le paturnie non mi sono passate proprio del tutto oserei dire che va meglio e direi che è il caso di impegnare le energie in qualcosa di più proficuo che non coltivare i malumori, che del resto non è che mi abbiano aiutata a trovare la soluzione ad alcunchè.
In ogni caso non è che non abbia prodotto proprio nulla sul fronte creativo, infatti ho finito di assemblare alcuni cuscinetti, per i quali ho una vera e propria passione, che avevo iniziato un po' di tempo fa e che erano rimasti in attesa di essere completati e che vedete ora nel cestino. Nel frattempo ho anche pensato ad alcune altre cose che vorrei realizzare e che conterei di mettere in cantiere nei prossimi giorni.
Aggiungerei che la scuola sta finendo e magari anche questo comporterà una maggiore serenità anche per il mio "bambino", che forse riuscirà a non essere così scontroso e "selvatico".
Buona serata a tutte voi!

11 commenti:

Antonella ha detto...

Mi dispiace per il tuo momento no...a volte capita che niente vada per il verso giusto :o( una chiaccherata ed una "ricamata" con un'amica ci risollevano, perlomeno un po' il morale e ci danno una bella carica:o). Un abbraccio Anto:o)

Francesca G ha detto...

purtroppo ci capitano dei momenti così, ma tu hai la fortuna di avere vicino delle amiche che ti conoscono bene e che ti fanno passare un pomeriggio in allegria! Dai forza che anche per Luca siamo alla fine, vedrai che poi si sentirà più sollevato e tranquillo e lo sarai anche tu!
belli i cuscinetti!!
buon inizio settimana

Sachertorte ha detto...

Evvai giù di cuscinetti e ricami...serve e soprattutto aiuta a buttare la bile!!!
E poi sai bene che io e te basta che stiamo assieme una mezz'ora a sparare belinate a raffica che otteniamo risultati migliori che con l'alkaseltzer!!!! A presto, N.

p.s. (io sono sempre + azzoppata!!!! speriamo che passi!)

Margherita ha detto...

Forza e coraggio per il tuo periodo nero, dacci dentro di ricamo e chiacchiere che fanno così bene.
Mi consola anche sapere di non essere l'unica ad avere la torre di Pisa da stirare e un figlio quasi o forse adolescente che rompe un po' .... speriamo nella fine della scuola.
Un abbraccio
Margherita

Recuperando ha detto...

Purtroppo penso che sia una cosa comune a tanti....può capitare!!!!!
Sei fortunata ad avere la tua amica che ti fa ridere!!!!!Magari!!!!!!Sono sicura che presto tornerai sprint!!!!!!!
Perdonami se mi faccio sentire pochissimissimo!!!!!!
Sabry

Creativando ha detto...

Non è una consolazione ma ... mal comune ...mezzo gaudio...
Io di solito non ho le paturnie perchè sono troppo concentrata a non soccombere a quelle della "ciurma" di casa (gatto compreso)...poi passano; per fortuna che quattro chiacchiere in amicizia aiutano più che una seduta dallo psicologo!!!
Un abbraccio con simpatia!
Rita

zidora ha detto...

Bè, Nadia ha sicuramente la capacità di far dimenticare le paturnie! che dici, la eleggiamo come scacciapensieri? :-))) baci baci

I Sogni nel Cassetto ha detto...

A volte la vita è amara e ci dobbiamo un attimo fermare per cercare di capire meglio noi stessi e dove vogliamo andare.
Rialzarsi è sempre faticoso ma con l'appoggio della famiglia, delle persone care e amiche, sarà più facile trovare la forza.
Quindi coraggio ... domani sarà senz'altro un giorno migliore.
Un forte abbraccio, Lara

Annalisa ha detto...

le chiacchiere con una buona amica sono sempre un rimedio miracoloso per curare le nostre ferite interiori e farcele poi sembrare meno gravi. Io è da tempo che adotto questa terapia :)
Un abbraccio

carmen ha detto...

E' molto bello questo post. Mi dispiace che questo sia per te un momento no. Ma mi piace l'energia che riesci comunque a trasmettere, la tua voglia di risollevarti e di reagire. Mi piacerebbe poter fare qualcosa, ma tu hai vicino delle amiche straordinarie che si prendono cura di te.
Un po' di pazienza e tutto passerà: non succede forse sempre così?
Un caloroso abbraccio
Carmen

Mary ha detto...

come si dice ... dopo le nuvole torba il sereno :-))
dai ... un bacione a presto mary