mercoledì 11 aprile 2018

Lorenzo!





Dopo una latitanza a dir poco vergognosa torno nel mio spazio virtuale sull'onda dell'euforia per un evento che mi ha entusiasmato ed emozionato moltissimo, vale a dire il concerto del mitico Jovanotti.
Mi sono sempre piaciute le sue canzoni, sin da quando era un ragazzino (e io pure...), ho sempre ascoltato i suoi dischi ma non mi era mai capitata l'occasione di ascoltarlo dal vivo. Questa volta, complice anche la compagnia giusta,  non me la sono lasciata sfuggire, per cui uscita anticipata dall'ufficio e partenza per quel di Torino, location Pala Alpitour.











Già trovarmi nell'ambiente mi ha fatto gustare anche l'attesa, per la verità breve, perché lui è stato puntualissimo, ma dal momento in cui è salito sul palco è stata una vera magia. E' stato estremamente coinvolgente, tutto il palazzetto cantava e ballava con lui e la sua straordinaria band, tra stupendi giochi di luce e un'alternanza continua di pezzi nuovi, storici, romantici, rock, insomma un mix spettacolare. Ha giocato anche con la consolle, a ricordare i vecchi tempi e sulle note de "L'ombelico del mondo" c'è stata proprio l'apoteosi.









La serata è stata assolutamente piacevole e nel tragitto verso casa, per inciso in una nebbia fittissima, avevo ancora la musica nella testa e nel cuore.
A dirla proprio tutta forse dopo i 50 non sarebbe il caso di andare a un concerto di lunedì, a meno che non sia il lunedì di una settimana di ferie, ma per una volta...





Nessun commento: