venerdì 21 marzo 2008

Allergia.

Avete mai avuto la sensazione di esservi appena rotolate nelle ortiche? Io ieri sera assolutamente sì.
In realtà erano alcuni giorni che avevo un prurito-bruciore su tutto il corpo, in particolare sul viso e le mani, senza che però si manifestasse nessun segno sulla pelle. Nella giornata di ieri si è fatto più forte, per cui sono andata dal mio medico, che mi ha detto che si tratta di un'allergia, ma che è pressochè imposssibile stabilire a cosa, potrebbe essere addirittura che io sia diventata allergica all'acqua.
All'acqua???!!! Posso forse smettere di lavarmi? Stendiamo un velo pietoso.
La sostanza è che mi ha prescritto degli antistaminici per alleviare il fastidio e io mi auguro tanto che sia un episodio destinato a non ripetersi troppo di frequente.
Dopo cena mi sono messa a stirare e il calore sprigionato da quella macchina infernale che è la caldaia del ferro mi ha dato il colpo di grazia: ho cominciato a grattare come una matta e in pochissimo tempo sono diventata di un bel color fuxia, che neanche i miei migliori gerani nel pieno della loro fioritura!
A questo punto è scattato l'isterismo. Contro il ferro da stiro, contro gli antistaminici, contro le camicie che non vogliono sapere di imparare a stirarsi da sole, ma soprattutto contro tutte queste allergie e intolleranze che un tempo non sapevamo neanche dove stessero di casa. E' mai possibile che siamo a rischio ogni volta che assumiamo un farmaco, che respiriamo, che mangiamo e così via?
Siamo noi che ormai siamo privi delle benchè minime difese, è l'ambiente che ci circonda che è un immondezzaio o, come credo e temo, entrambe le cose insieme?
Non è per fare la solita retorica, ma francamente tutto questo mi disgusta. Chi se ne importa di tutto il nostro progresso, della qualità della nostra vita che migliora (???) se poi ci riduciamo in questo stato?
Sta di fatto che quando mio marito e mio figlio sono tornati dalla palestra mi hanno trovata rossa come un peperone per il prurito e anche un po' per la rabbia. Non avevo neanche preparato loro il solito te della tarda serata, come faccio ogni volta che rientrano a ore alquanto scomode dall'allenamento e, non appena hanno messo il naso in cucina, mi sono congedata da loro precipitandomi a letto, sperando di addormentarmi velocemente per non sentire più nulla.
Questa mattina in effetti andava un po' meglio, ma considerato che dovrò rimettermi quanto prima a stirare la vedo dura.

3 commenti:

Sachertorte ha detto...

Non ti invidio proprio perchè ti capisco e so cosa significa!!!!! La diagnosi è identica a quella che lo stesso medico aveva fatto a me: non si sa perchè!!!!!!!!!! Ti auguro di risolverla presto, e soprattutto definitivamente. Bacioni e a presto

Giuliana ha detto...

Anche mia madre ha avuto lo stesso problema. Non ha avuto una diagnosi ed è stata curata con cortisone e antistaminici..
Pazienta..
Da mia suocera ho imparato a non stirare!! Ci crederesti???? Mia madre mi faceva stirare pure i calzini.. Ora piego bene appena ritirato e stiro lo stretto indispensabile, è tutta un'altra vita!!

marypoppins ha detto...

non parlatemi di allergie!!!
auguroni !!
Mary