domenica 20 maggio 2012

Strana domenica...

Francamente non oso più accendere la televisione. Ieri quel terribile attentato all'ingresso di quella scuola di Brindisi, una ragazza di 16 anni uccisa così brutalmente e tante altre ragazze ferite, in maniera più o meno grave. Ma chi può compiere un gesto simile? Chi può deliberatamente aver desiderato la morte di un gruppo di adolescenti, di quale colpa può aver ritenuto che fossero responsabili per riservare loro una cosa simile?
Sono una mamma e penso a quando mio figlio esce di casa al mattino per andare a lezione, quando va al campo ad allenarsi o quando si  vede con gli amici e io sono a casa o in ufficio e neanche mi sfiora il pensiero che potrebbe capitargli qualcosa di brutto, del resto di cosa dovrei mai preoccuparmi? E' in facoltà, in palestra, a passeggio per il centro, quale pericolo potrà mai esserci? E invece no, anche nella più banale delle quotidianità siamo esposti e vulnerabili molto più di quanto  crediamo.
Ma che cosa è diventato il nostro paese, in che mondo assurdo siamo capitati  a vivere?
Questa mattina la prima notizia che ho appreso è stata ovviamente quella del terremoto in Emilia Romagna e subito ho avuto la sensazione che la natura si stia  vendicando dello schifo prodotto dagli uomini ed è tutto il giorno che provo una forte sensazione di disagio.
Siamo a maggio inoltrato ma il clima di oggi è molto più simile a quello di una giornata di novembre, piove e fa freddo e il cielo è grigio proprio come il mio umore.
Mi rendo conto che, rispetto appunto a tutte le cose gravi che stanno succedendo, può davvero apparire poca cosa, ma due giorni fa ho perso il mio micio Ugo.



Aveva poco più di tre anni, si è ammalato improvvisamente e l'abbiamo perso nel giro di venti giorni e facciamo veramente molta fatica ad abituarci a non averlo più intorno.
Sicuramente ci sarà chi mi considera un po' fissata, ma so che per chiunque ami gli animali e sia abituato ad averne in casa il mio stato d'animo attuale è perfettamente comprensibile.
Oggi siamo stranamente tutti a casa, la domenica non succede quasi mai e per tutta una serie di ragioni siamo tutti piuttosto depressi...quasi aspetto il lunedì con impazienza, per rientrare nella solita routine.

17 commenti:

bilibina ha detto...

Ciao Mariagrazia! Mi spiace davvero tanto per il tuo bellissimo micio..so che si soffre e se ne sente la mancanza quando un amico peloso ci lascia..e poi era proprio giovane, solo tre anni, poverino!
Speriamo che questo brutto periodo passi presto..un abbraccio con affetto
Carmen

Maddalena ha detto...

Se ti può consolare anche per me questa è stata una domenica sottotono e rattristata dagli eventi di cronaca, domani avrò un sacco di cose da fare, e rimpiangerò i momenti di ozio.
Per fortuna che ci sono blog come iltuo, per fare un giro e vedere tante cose carine.
E' un piacere conoscerti
Maddalena

Il Gufo e La Mucca ha detto...

oh mamma.....leggo solo ora del tuo micio, mi dispiace tantissimo... è effettivamente tanto simile alla mia micina.... dev'essere un grande dolore... vi abbraccio forte,
Clelia

cuore antico ha detto...

Questa domenica fa davvero riflettere...
L'attentato, il forte terremoto che ha fatto anche vittime e che qui è stato sentito molto.
Conosco la sensazione di perdere un amico a quattro zampe, pesante, davvero incredibile.
Quando a me è successo per farmene una ragione mi sono sempre detta che forse il destino voleva lasciar posto ad un altro peloso bisognoso del mio affetto.
Il tuo somiglia molto al mio Nanuk.
Debora

Debora ha detto...

Perdere un grande affetto non è poca cosa, fa un male tremendo, purtroppo lo so...
Vi abbraccio forte

Letizia ha detto...

Mi dispiace tanto per il tuo pelosino,so come ci si sente,giusto 1 anno fa ci ha lasciati il nostro Ciccio dopo 7 anni,siamo stati male tutti,ogni volta che lo ricordo mi viene da piangere,ogni angolo di casa ce lo ricorda.Anche per me questa è stata una domenica NO,a volte è meglio la routine quotidiana!Un abbraccio,Letizia.

Gabry ha detto...

Mi dispiace molto per il tuo Ugo, i nostri amici pelosetti riempiono la casa, ci riempiono la vita e ti capisco benissimo perchè avevi tanta voglia
di tornare al lavoro.
Anche per me è stata una brutta domenica, la micia terrorizzata è venuta a svegliarmi un attimo prima della forte scossa e dalle 4,04 non ho più dormito.
E allora penso negativo, penso a tutto quello che sta succedendo in questo brutto mondo.
La mia conclusione è vedendo che tante signore aspettano un bambino, la vita, la gioia!
Perciò bisogna andare avanti con tanta speranza e vivere questi giorni il meglio possibile.
Un abbraccio
Gabry

Margherita ha detto...

Davvero un week end difficile, fa pensare tutta la bruttura che gira per il mondo. Se poi pensiamo ai nostri ragazzi, c'è davvero poco per cui stare allegri.
Ma c'è sempre anche tanta speranza, teniamocela stretta e auguriamoci che non ci abbandoni mai.
Comunque e sempre che sia una buona giornata!!
Margherita

Gisella ha detto...

Ciao carissima, cosa dire? Nel giugno 2011 il nostro Whisky molto simile al tuo Ugo non è più tornato a casa...ancora adesso quando sentiamo miagolare fuori corriamo nella speranza che sia lui...era unico! Le brutture del mondo...Non so spiegarmele e fanno tanto male. Un abbraccio grande ciao Gisella

Francesca Violetta ha detto...

oh no! carissima, quanto mi dispiace..... lo sai che ti sono vicina e capisco questo dolore grandissimo, povero Ugo... proprio sfortunato, prendere quella malattia tremenda... ti abbraccio fortissimo
per la situazione generale sono con te, anche io penso che la natura si stia ribellando all'uomo che è sempre più cinico, cattivo, senza rispetto di niente, un momento davvero brutto
un bacio

Susanna ha detto...

Cara Mariagrazia, anch'io sono mamma e ti dico la verità, quando ho sentito dell'attentato al telegiornale mi venivano le lacrime agli occhi pensando alle vittime ed ai loro genitori. Non oso immaginare il dolore che stiano provando. Spero solo che prendano il colpevole e che lo giudichino e condannino severmente. Quanto al terremoto....è davvero una disgrazia. Penso agli sfollati sopravvissuti e a chi non ce l'ha fatta. Penso al loro smarrimento, alla loro disperazione e paura.....spero che non ci siano più scosse e vittime. Mi auguro - ma ci credo poco- che lo Stato intervenga dovutamente sotto ogni aspetto.
Immagino quello che stai provando per la perdita del tuo micio....io ho sempre avuto animali da quando sono piccola, ora ho una cagnetta ed una gatta che ultimamente è stata molto male ma fortunatamente si è ripresa. I miei animali sono come persone membri della mia famiglia. Coraggio!
Un abbraccio!

Annalisa68 ha detto...

quello che è successo è terribile... i nostri figli escono di casa, vanno a scuola e uno squilibrato è capace di fare qualsiasi cosa.... non ci sono parole giuste da dire, penso solo allo strazio di quei genitori ... :(

toffolina09 ha detto...

Povero micio! Io ti capisco, ho una gatta di 18 anni, ultimamente sta poco bene e mi terrorizza il persiero che possa succederle qualcosa, mi mancherebbe tantissimo anche se con le sue unghie mi ha rovinato due divani, però si può dire che fa parte della famiglia come un umano.
Tiziana

Raven ha detto...

Anch'io appartengo alla categoria di "quelli che agli animali voglio bene come gli umani" ( e forse anche di più...), per cui ti sono vicina in questo momento....

maman O ha detto...

Mia cara , condivido con te il senso di disagio che si prova guardandoci attorno. A volte penso che sto bene solo all'interno delle mie mura, se esco vedo spesso cose tristi, povertà , gente che vive male per vari motivi...

Ma invece poi mi basta un gesto amichevole, una persona cara per riprendere a vedere la vita con un po' di ottimismo. Certo che in questo periodo, anzi quest'anno , ne sono successe di cose spiacevoli!
Anche per Ugo mi spiace. Se Amelie sta via qualche giorno da mia figlia, ci manca....
Un abbraccio affettuoso Ornella

Alex - Topogina Bonetto ha detto...

Ciao tesoro, concordo con molti dei tuoi pensieri. Io ci penso ogni giorno a come stiamo distruggendo il nostro pianeta e mi fa deprimere... sento che ho le mani legate anche se cerco di rivoltarmi ogni giorno, cambiando il mio tenore di vita e le mie abitudini.

Anch'io ho perso una micetta qualche tempo fa e ancora piango guardando le sue foto.... mi manca tanto e ancora la cerco in giro per casa...

Ti mando un bacione,
alex

Livia ha detto...

Ciao, sono Livia la mamma di Silvia (tiro con l'arco), hai notizie delle ns amiche di Modena??
un saluto
Livia